« Torna alla edizione


UN UNICO INTENTO FINALE: ABOLIRE I GENITORI E LA FAMIGLIA
Un filo rosso collega il decreto vaccini e la sentenza di morte per Charlie Gard: lo strapotere di uno stato disumano
di Mario Giordano

Cari genitori, mettetevi il cuore in pace: siete stati aboliti. Non contate più nulla. Avete messo al mondo il bambino, l'avete amato, coccolato, avete pulito la sua prima cacca e aspettato con ansia il suo primo ruttino, avete gioito dei suoi sorrisi e tremato per il suo primo dentino, ma adesso rassegnatevi: ve l'hanno portato via. Come nelle filastrocche di una volte: l'ha preso la Befana che se lo tiene una settimana, l'ha preso l'Uomo Nero che se lo tiene un anno intero.
Anche se nella realtà l'Uomo Nero ha il camice bianco.
E sa di medicina, farmacia e psicologia.
Avanti, su: chi siete voi di fronte a cotanto sapere? Niente. Solo genitori. Anzi, ex genitori. Amate i vostri bambini, si capisce, ma non esiste un corso di laurea in amore applicato.
E neppure una cattedra. Non esistono i dottorati in genitorialità comparata. E dunque che aspettate? fatevi da parte e consegnate il vostro pargoletto alla dea Scienza. Sarà sacrificato sull'altare del Progresso.
I nuovi sacerdoti non ammettono eccezioni. Proprio così: non ammettono eccezioni i nuovi sacerdoti che ieri hanno strappato Charlie ai suoi genitori per darlo alla morte. E non ammettono eccezioni nuovi sacerdoti che in Italia vogliono strappare i bambini con i loro genitori per darli alla fabbrica dei vaccini. Non ammettono eccezioni i nuovi sacerdoti che ogni giorno strappano i bambini ai loro genitori per darli a il business degli orfanotrofi. L'ultimo caso lo racconta oggi (il 1 luglio, ndr) su La Verità, Alessia Pedrielli e arriva da Ascoli Piceno: un piccolo tolto a mamma e papà che l'hanno voluto e desiderato. Il motivo? sono Stati giudicati inadatti a crescere un figlio. E perché sono inadatti? Perché hanno lievi disabilità. Proprio così: lievi disabilità. Niente che impedisca di lavorare uscire avere relazioni svolgere una vita più o meno normale. Solo che impedisce di avere un figlio. chi l'ha stabilito? Il giudice, ovviamente basandosi su una relazione tecnica. la tecnica ha sempre ragioni di fronte alle quali oggi il cuore soccombe.
Ma che mondo è quello in cui la freddezza delle relazioni tecniche e delle norme giuridiche prende il sopravvento sull'amore, sullo slancio, sul calore, sull'affetto e sulla disponibilità? E' per l'appunto un mondo che calpesta l'umanità. Dunque un mondo disumano. Dietro la coppia di Ascoli Piceno c'è una rete familiare solida che si era detta pronta ad aiutare i due casomai ne avessero avuto bisogno. Così come dietro ai genitori di Charlie si era mossa una rete mondiale di aiuti di solidarietà di sostegno (non solo economico) che è stata allegramente ignorata da tutti.
Dai medici dai giudici inglesi dai giudici europei.
Charlie deve morire. Il bimbo di Ascoli deve andare in orfanatrofio.
E perché lui all'orfanatrofio e tanti bimbi rom cresciuti nella monnezza educati al furto invece no? Difficile dire. Probabilmente lo stabilisce il comma bis della norma quote fondata sulla relazione tecnica appena sfornata dall'ultimo laboratorio del sapere. Dove ovviamente ci sono un sacco di provette in frigorifero. E cuori ancora più gelati.
Ma che ci interessa del cuore? Il cuore è superato, è evidente. Il cuore appartiene al vecchio.Oggi è la scienza che conta, è la scienza che decide. Il cuore al massimo va bene per i genitori. Cioè tutta roba da buttare al macero. Pensate un po' che quelli (i genitori) si fissano addirittura con il tenere in vita i bambini anche quando sono malati. Non vi pare un'assurdità nell'era del progresso tecnologico? via non indugiamo oltre. stacchiamo le macchine, uccidiamo i bambini: è così che si fanno passi avanti, è così che si costruisce il futuro. E anche la storia dei vaccini, per dire: Cosa sono tutte queste preoccupazioni sulla salute? perché quei genitori si spaventano? che cosa temono? ma sì, suvvia, Ci sarà qualche bimbo rovinato, ci sarà qualche neonato distrutto per sempre dal vaccino, ma che sarà mai? Effetti collaterali. Non vite, ma numeri. Piccoli numeri che non possono fermare l'impetuosa avanzata del maxi piano europeo di sperimentazione generale. Che poi, se facciamo il record di punturine, potrebbe essere che ci danno pure in palio il bambolotto della sede dell'Ema (Agenzia europea della medicina). Si può forse rinunciare? per qualche bimbo che finisce sulla sedia a rotelle? Vi fate impressionare per così poco? Non è possibile dai: e allora avanti, vaccinazioni obbligatorie su vaccinazioni obbligatorie, decreti e supermulte, i genitori che non vogliono devono essere travolti. Non contano nulla, non contate nulla: l'avete capito o no? Esattamente come non contano nulla ai genitori di Charlie che l'avrebbero voluto curare fino all'ultimo attaccati alla vita e la speranza come solo i genitori sanno essere. ma vi pare? attaccarsi alla vita? che roba antica e? che poi è proprio strano: far tanta fatica per tenere in vita un bimbo malato quando se ne possono far ammalare facilmente tanti altri. Lasciate fare alla dea Scienza lasciate fare al Progresso tecnologico loro sì che ci sanno fare. I genitori devono solo smetterla di essere di impiccio. Chiaro? fino a qualche tempo fa tanti si appellavano alla famiglia. ma quel problema è stato risolto da un pezzo, da tempo la famiglia è stata spazzata via. Distrutta. Massacrata. Umiliata. Ora tocca ai genitori. Sono l'ultimo impiccio: mamma e papà che si ostinano a mettere al mondo figli, e persino ad amarli. Vi rendete conto? Amarli. Roba da matti. La nuova battaglia è iniziata: dopo la famiglia saranno eliminati anche loro. Anche i genitori. E così finalmente potrà trionfare la nostra meravigliosa Tecnica: fredda, impersonale,senza cuore e burocratica. Così impersonale che, per sua natura, non potrà mai essere mamma. Al massimo figlia. Di p.

 
Fonte: La Verità, 01/07/2017


Scienza&Vita-Siena.it
Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis la nostra newsletter

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

amicideltimone-staggia.it
BASTABUGIE.it