« Torna alla edizione


PERCHÉ LA STATUA DI UNA DONNA INCINTA METTE IN CRISI UN INTERO PAESE?
Un feto e i muscoli di una donna fanno orrore e ''Due Facce'', lo storico nemico di Batman, no. Perché?
di Carlo Bellieni

Non sarà che ci si ribella a quello che si vede e che non si dovrebbe vedere? In Inghilterra, a Ilfracombe Pier nel North Devon, si staglia alta contro il cielo - spesso nuvoloso - una statua di 23 metri. Cosa ha di tanto osceno da portare i benpensanti cittadini a chiederne la rimozione? E' forse una statua ad un dittatore spietato? E' un monumento pornografico? E' allora certamente un insulto a qualche minoranza linguistica o culturale? No, niente di tutto questo: è solo la statua di una donna incinta. Certo, è una statua sui generis, perché in metà mostra lo spaccato anatomico della donna, cioè quello che si vedrebbe se si rimuove cute e strati superficiali: l'interno della mammella, i visceri... scandalo? Basta girare il mondo per vedere cose ancora più anatomicamente approfondite senza che nessuno si stracci le vesti. Cosa allora c'è di ''orrendo''? La verità: dentro la donna c'è un bambino!
Tutto qui? Già. Ma se ci pensate bene è proprio questo il centro della gravidanza di cui però nessuno si azzarda a parlare: c'è un bambino in ogni gravidanza. Un bambino. Non sarà che lo scandalo è proprio qui? Dall'aver voluto mostrare, forse senza nemmeno farlo apposta, quello che non si può dire: la vita c'è prima di nascere. E la donna che viene raffigurata con tutta la licenza artistica di uno scultore bravo (e l'opera è fatta stilisticamente bene), appare orgogliosamente in atto di ostentare questo segreto, con un braccio rivolto in alto.
Orrore? Ma l'avete mai visto ''Due-Facce'', il nemico giurato di Batman, sì quello che tutti i bambini hanno visto e rivisto su fumetti, cinema ecc? Ha mezza faccia sfigurata col bulbo oculare fuori dell'orbita e i muscoli all'aria aperta. E perché un feto e i muscoli di una donna fanno orrore e  ''Due Facce'' (che ci sta anche simpatico) no? E' la maledizione del postmodernismo: della gravidanza i ragazzi devono sapere tutto ma proprio tutto su come evitarla, ma niente ma proprio niente su quello che ne è al centro, sulla bellezza, sulla vita, sulla difesa della dignità della donna difendendo la vita della donna e del bambino.  
E' la censura postmoderna che è entrata nel cuore della gente: niente più figli (il crollo demografico è impressionante) e al loro posto tanti cagnolini e gattini, tanto che pare che i supermarket abbiano reparti ben più grandi per cibo per animali che per neonati. E niente più bambole (Cicciobello addio...), sostituite da cagnolini, orsetti, gattini di peluche, tanto da invogliare involontariamente il bambino a chiedere alla mamma non un fratellino ma il criceto.
Mostrare quello che realmente è una gravidanza è orrore? Oltretutto in un'opera tecnicamente ben fatta (guardate in giro tanta arte moderna e fate anche confronti tecnici). Forse è questo che si teme: che qualcuno dica che il ''re è nudo'', che la gravidanza è un rapporto tra una mamma e un bambino (non con una patata o un ''progetto di vita''): non a caso la statua si intitola ''Verity''.

 
Fonte: Il Sussidiario


Scienza&Vita-Siena.it
Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis la nostra newsletter

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

amicideltimone-staggia.it
BASTABUGIE.it